Mer. Feb 21st, 2024




Foto delle dosi sul cellulare: 21enne trovato con 25 chili di droga

Foto delle dosi sul cellulare

Tradito dalle foto sul telefono del “cliente”. Un ragazzo di 21 anni, un giovane italiano di origini sudamericane con precedenti per lesioni, arrestato all’alba di giovedì dalla polizia dopo che nella cantina della casa in cui vive insieme alla mamma, a Rho, sono stati scoperti ben 24 chili e 860 grammi di hashish.

Scoperta inaspettata

Il lavoro degli agenti delle Volanti, però, è iniziato alle 17.30 di mercoledì, quando i poliziotti hanno fermato un 20enne italiano a bordo di uno scooter Kymco in via Canonica, in zona Chinatown. Trovato in possesso di una dose di “fumo”, lui stesso – messo alle strette – ha poi confessato che nella sua abitazione nascondeva altra droga.

La scoperta ha portato gli uomini dell’Ufficio prevenzione generale e soccorso pubblico ad intervenire immediatamente. Hanno raggiunto l’abitazione del giovane, che vive a Bonola con i genitori. In camera sua, hanno sequestrato 170 grammi di hashish e ben 2mila euro in contanti.

Indizi che conducono all’arresto

Durante le indagini, gli agenti hanno controllato il telefono del giovane sospetto. Qui, hanno scoperto alcuni contatti sospetti e foto scambiate su app di messaggistica che li hanno portati dritti al 21enne, presunto fornitore dei narcotici.

La perquisizione successiva, invece, ha condotto direttamente alla cantina del palazzo in cui risiede il ragazzo a Rho. Qui, sono state trovate le dosi di droga nascoste abilmente all’interno di alcune valigie. I poliziotti, segnalando il fatto, hanno sequestrato ben oltre 24 chili di hashish, confezionati con marchi ispirati ai simboli della Ferrari e di un toro rosso e viola.

Arresti e conseguenze

Sia il giovane di 21 anni che il 20enne arrestato precedentemente sono stati tratti in arresto. Nonostante non abbiano precedenti specifici, le prove raccolte dalle forze dell’ordine hanno portato all’arresto dei due individui.

Entrambi dovranno ora affrontare le conseguenze legali del loro coinvolgimento nel traffico di droga. L’arresto dei sospettati rappresenta un successo per la polizia nella lotta contro il traffico di stupefacenti.


.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *